Categorie
Tastiere

AUKEY Tastiera meccanica KM-G12 per tutte le tasche: RECENSIONE

Creare un desk setup può essere estremamente dispendioso sia badando al portafogli che al tempo, per questo motivo mi sono deciso a provare una soluzione economica che può sposarsi bene anche su un desk setup ben costruito: la prima puntata riguarda la recensione della tastiera meccanica RGB

La tastiera AUKEY KM-G12

Il pezzo forte del desk setup è solitamente costituito dalla tastiera, fermo restando un PC o un laptop che sappia stare al passo. Il motivo è che la tastiera è un dispositivo di input fondamentale per dare i compiti al vostro computer. La tastiera meccanica RGB AUKEY KM-G12 è caratterizzata dagli switch Outemu Blue, praticamente una versione più economica dei Cherry MX. La scelta permette di abbattere i costi e di acquistare una tastiera meccanica ad una cifra tra i 50€ e i 60€.

aukey-km-g12

La differenza tra Outemu Blue e Cherry MX Blue è dovuta al feedback sonoro ancora più vigoroso, vi sembrerà ancora più “rumorosa”. Personalmente ho trovato adatto questo tipo di feedback più per l’attività di scrittura, che è risultata abile e veloce, piuttosto che nel gaming dove il dover affondare completamente il tasto mi sembrava rallentare l’attività di gioco (ma credo sia stata più una mia impressione). Una possibile alternativa sarebbe stata l’utilizzo degli switch Gateron che iniziano ad essere più diffusi. Personalmente però adoro una tastiera che mi restituisce un feedback tattile di questo tipo: mi fa sentire consapevole del tasto che sto usando per digitare.

colori RGB sono disponibili in varie modalità: BreathingWave e Color Cycling più alcuni effetti di illuminazione Surround. Possono essere regolabili tramite combinazioni di tasti sulla tastiera ed i colori spaziano molto bene tra le varie tonalità (pur essendo 12 in totale). Per rendere ancora più colorate la questione, AUKEY ha inserito una striscia LED sulla base e anche questa può essere personalizzata come effetti e come colori.

AUKEY KM-G12: Scrittura e gaming

La tastiera KM-G12 è una tastiera versatile: si potrebbe disquisire per ore se è più adatta al gaming o alla scrittura, ma la mia impressione è che la scelta di avere gli Outemu Blue l’abbia fatta virare verso un ambiente di produttività e di scrittura rapida. Difatti questi switches permettono di avere un ottimo feedback tattile, nonostante la superficie liscia, e sonoro estremamente differente da quello delle tastiere a membrana.

Se penso al gaming, devo ammettere che c’è il fattore sonoro da considerare: se condividete la stanza con qualcuno e state giocando, questo potrebbe davvero creare qualche noia al vostro coinquilino. Inoltre la scelta di uno switch Blue implica quella che in inglese si chiama Hysteresis, cioè quel piccolo input gap tra il momento di attuazione e quello di reset. Immaginate quindi il genere di giochi a cui siete interessati e pensate al momento in cui state rilasciando completamente un tasto prima di digitarne un altro (il punto di reset). Di contro questo vi permetterà di ridurre al minimo gli errori.

Se devo esprimere una mia preferenza personale: la scelta di Outemu Blue si sposa perfettamente con il mio utilizzo. I tasti sono comunque meccanici e si sposano bene sia con l’attività di scrittura che con quella di gioco.

La mia opinione

AUKEY è salita di livello negli ultimi anni e il salto di qualità rispetto alle precedenti tastiere meccaniche si avverte eccome. Per la KM-G12 sono stati usati materiali molto solidi, è chiaramente in acciaio, è rigida, non flette ed è precisa. I due piedini sottostanti permettono di avere la giusta inclinazione, mentre i tasti Outemu Blue mi stanno soddisfacendo decisamente grazie alla precisione ed il feedback sonoro che li contraddistingue.

La mia impressione è assolutamente positiva e questa tastiera permette di creare un desk setup davvero cool. La tastiera meccanica AUKEY sfrutta bene gli switch Outemu Blue che, a mio avviso, sono una validissima soluzione alternativa ai Cherry MX che costano decisamente di più.

Se state cercando una tastiera minimal, probabilmente non è la scelta migliore da fare perché vi orienterei su qualche tastiera 60%. Se invece state cercando una tastiera meccanica ad un ottimo prezzo, versatile sia sul fronte gaming che quello di scrittura, allora state facendo la scelta giusta.

I consigli di Tecnologici

Vi raccomando una soluzione che permetterà alla vostra scrivania di essere molto più wireless di quello che realmente è: fate un piccolissimo buco sotto alla tastiera. Infilate i cavi in quel vano e la vostra scrivania apparirà elegante priva di fili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *