Categorie
SSD

Samsung 970 EVO Plus vs 970 PRO: tutte le differenze

Gli SSD di tipo NVMe (formato M.2) stanno riscuotendo interesse sempre maggiore, a discapito dei tradizionali SSD SATA III. Sono più veloci e più piccoli e il prezzo, fino a qualche tempo fa ingiustificato, è sceso a tal punto che sempre più spesso ci si trova a scegliere tra un SSD tradizionale e un SSD NVMe entry-level.

Tra i maggiori produttori di SSD NVMe troviamo Samsung e in particolare la scelta ricade tra due modelli, apparentemente simili ma tecnicamente molto diversi: il Samsung SSD 970 PRO, uscito nel 2018, e il più recente SSD 970 EVO Plus, uscito ad inizio 2019.

970 Pro vs 970 EVO Plus: tutte le differenze

Quali sono le differenze tra questi due modelli? Quale conviene comprare? Entrambe sono memorie flash NAND con una sostanziale differenza: il numero di bit per cella. Maggiore è il numero di bit per cella e minori sono i costi di produzione. Le 970 EVO plus sono di tipo TLC (Triple Level Cell) e memorizzano 3 bit per cella e pertanto hanno costi di produzione più bassi rispetto alle 970 Pro, di tipo MLC (Multi Lecel Cell), che memorizzano 2 bit per cella. A cambiare sono anche gli stati di tensione: 4 nel caso del TLC (970 EVO Plus), 8 per gli MLC (970 Pro) con un impatto non trascurabile sulla velocità di scrittura. La differenza tecnologia è alla base delle differenze tra i due modelli.

1. Longevità

Le 970 Pro sono più affidabili e durano più a lungo. Sono infatti garantite fino a 600 TBW (5 anni) contro i 300 TBW delle 970 EVO Plus. Dividendo 600 TBW per 5 e per 365 si trova un trasferimento giornaliero di circa 165 GB. Pertanto se l’utilizzo dell’SSD è pensato per il trasferimento e la scrittura quotidiana di un gran numero di file è preferibile l’acquisto delle 970 PRO.

2. Velocità di scrittura sequenziale sostenuta

Se rispetto alle “vecchie” 970 EVO (non plus) le velocità di scrittura e lettura pendevano a favore delle 970 PRO, le performance del nuovo 970 EVO Plus sono comparabili alle 970 PRO. Quasi del tutto identiche in lettura (1900/2000 MBs), le 970 PRO restano un pelo più veloci in scrittura (2400 MB/s contro 2200 MB/s). A fare la differenza però la velocità sequenziale sostenuta in scrittura, quasi 4 volte maggiore nel caso delle 970 PRO. Il vantaggio è nella velocità di scrittura di file di grandi dimensioni. Nel trasferire file di grandi dimensioni, tali da saturare il buffer, nell’ SSD 970 EVO Plus si osserva una calo delle prestazioni in scrittura sequenzale. Pertanto, se il vostro intento è quello di trasferire quotidianamente file di dimensioni enormi (nell’ordine delle centinaia di GB) e avete bisogno di farlo in meno tempo possibile le 970 PRO possono fare al casto vostro. In tutti gli altri casi le performance delle 970 EVO Plus saranno più che sufficienti.

3. Prezzo

Sulla base di quanto descritto sopra è chiaro come il prezzo delle SSD 970 PRO sia più alto. Le differenze di prezzo attualmente sono di circa 40 € per gli SSD da 500 GB e di 90 € per gli SSD da 1 TB.

970 EVO Plus

970 PRO

Conclusione

In conclusione l’acquisto delle 970 PRO è consigliabile solo per gli utenti che hanno bisogno di scrivere e trasferire, giornalmente e per tempi prolungati, un gran numero di file di grandi dimensioni. Per la maggior parte degli utenti l’affidabilità, la longevità e le performance delle 970 EVO Plus sono più che sufficienti.